Cos’è l’allenamento propriocettivo?

È una pratica basata sulla stimolazione del sistema neuro-motorio nella sua totalità. È composto da un insieme di esercizi che vanno a creare situazioni di instabilità, allo scopo di valutare e migliorare l’utilizzazione dei segnali propriocettivi provenienti dalle parti periferiche del corpo, in particolare dagli arti inferiori.

Obiettivo primario dell‘allenamento propriocettivo è quello di rieducare i riflessi propriocettivi, al fine di ottenere nuovamente un ottimale controllo della postura e delle articolazioni interessate.

L’allenamento propriocettivo risulta di fondamentale importanza per ottenere un recupero completo dopo un trauma (per ripristinare i riflessi e riattivare tutti i canali informativi interrotti dall’infortunio); nella prevenzione degli infortuni (per avere un più rapido controllo della muscolatura durante le azioni di gioco e per favorire la sollecitazione di gruppi muscolari interi evitando le contrazioni isolate); nell’allenamento sportivo (per avere un gran senso dell’equilibrio ed un controllo assoluto del gesto tecnico)
La tecnica d’allenamento si basa su sollecitazioni controllate ed applicate alle articolazioni, utilizzando sia esercizi in scarico che in carico naturale, in appoggio sul terreno o su piani oscillanti di varia difficoltà, come tavolette, cuscini, bosu, trampolini e molte altre.

In una logica di prevenzione e/o cura delle patologie metaboliche può interessarti anche il Fitness Metabolico. Scopri di più

Cos’è lo squat?

Lo squat è un esercizio finalizzato allo stimolo delle capacità muscolari degli arti inferiori, in particolare di cosce e natiche.

L’obbiettivo dello squat, a seconda delle caratteristiche della scheda di allenamento (alta intensità, alto volume con lunghi tempi di tensione, molleggi, rimbalzi, mezzo movimento, escursione completa ecc.), può variare da: tonificazione, riabilitazione avanzata, aumento della forza pura, aumento della forza resistente, aumento dell’ipertrofia, aumento della forza elastica, aumento della forza esplosiva ecc. Lo squat è, di fatto, un’accosciata. Durante questo movimento, i muscoli coinvolti sono davvero moltissimi; infatti, oltre ad interessare primariamente i distretti muscolari di cosce e natiche, vengono reclutati tutti quelli definiti come “stabilizzatori”. In tal senso, lo squat “libero” è molto più efficace di quello svolto per mezzo della struttura tutoriale detta multypower. Per di più, nelle varie fasi del movimento, l’impegno dell’uno o dell’altro muscolo (e, addirittura, dei fasci muscolari) cambia in maniera a dir poco rilevante.

I personal Trainer di ODUE sono sono tutti professionisti laureati in Scienze Motorie e Personal Trainers certificati che da quasi vent’anni si dedicano esclusivamente ad allenare i loro clienti. Scopri di più nella sezione Personal Trainer ODUE Gym!